Enogastronomia

Profilo professionale

Nell′articolazione dell′Enogastronomia, il diplomato è in grado di intervenire nella valorizzazione, produzione, trasformazione, conservazione e presentazione dei prodotti enogastronomici; operare nel sistema produttivo, promuovendo le tradizioni locali, naturali e internazionali, e individuando le nuove tendenze enogastromiche.

A conclusione del percorso quinquennale, i diplomati conseguono i seguenti risultati:

  • Controllare e utilizzare gli alimenti e le bevande sotto il profilo organolettico, merceologico, chimico-fisico, nutrizionale e gastronomico
  • Predisporre menu coerenti con il contesto e le esigenze della clientela, anche in relazione a specifiche necessità dietologiche
  • Adeguare e organizzare la produzione e la vendita in relazione alla domanda dei mercati, valorizzando i prodotti tipici

Quadro orario

Materie comuni Terza, Quarta e Quinta
Materia Terza Quarta Quinta
Lingua e letteratura italiana 4 4 4
Lingua Inglese 2 3 3
Seconda lingua straniera 3 3 3
Storia 2 2 2
Matematica 3 3 3
Scienze motorie 2 2 2
Religione cattolica o attività alternativa 1 1 1
Materie comuni Terza, Quarta e Quinta
Enogastronomia

Materie specifiche Terza, Quarta e Quinta
Materia Terza Quarta Quinta
Scienza e cultura dell′alimentazione 5 3 3
Diritto e tecniche amministrative della struttura ricettiva 3 5 5
Laboratorio di servizi enogastronomici settore sala e vendita 2 2
 7 4 4
Materie specifiche Terza, Quarta e QuintaLaboratorio di servizi enogastronomici settore cucina
Enogastronomia

 

Inoltre sono previste le seguenti compresenze

Materie Terza  Quarta Quinta
Laboratorio di servizi enogastronomici settore cucina - Scienze e cultura dell'alimentazione 1 1 1

I progetti di Enogastronomia

Venire a scuola non è solo concentrarsi sulle materie di studio, ma vivere un’esperienza completa e arricchente. Per questo aderiamo a numerosi progetti come Educazione alla Salute, Educazione alla Legalità, il Progetto Cultura e le  certificazioni linguistiche come il FCE e informatiche come l’ICDL. Il percorso è arricchito da progetti propri dell'indirizzo di Enogastronomia, quali:

  • Giovani Maître crescono: Il progetto verte sulla realizzazione di un concorso di cucina di sala riservato alle terze, quarte e quinte del nostro istituto.
  • Il cliente è celiaco: Il progetto nasce dalla constatazione dell'importanza per chi si occupa di ristorazione di approfondire tematiche legate al nuovo fabbisogno alimentare soprattutto in materia di allergie e intolleranze.
  • Il mondo in cucina: Il progetto di Enogastronomia interculturale è dedicato ogni anno a una delle principali tradizioni culinarie extraeuropee (Maghreb, Asia, Africa, America Latina).
  • Con le mani in pasta: Il progetto è una “finestra” per potere avvicinare, nelle ore tardo pomeridiane e preserali, i genitori al mondo della scuola e di potere dare mano libera a una passione qual è la cucina.

immagine nel testo

I consigli degli ex studenti


Matteo racconta il suo percorso di Enogastronomia al Lagrange e le sue esperienze nel mondo del lavoro, come cuoco in un hotel a 4 stelle e vicecapopartita in un locale storico nel centro di Milano. 


Come sono i docenti dell'IIS Lagrange? Gabriele, che si è diplomato in Enogastronomia nel 2020, in piena pandemia, racconta il clima familiare del Lagrange e il rapporto positivo con i professori, che non devono essere visti come dei nemici, ma degli alleati, che hanno sempre un occhio di riguardo per gli studenti.

§
Dal Lagrange ai ristoranti stellati migliore del mondo. È quello che ha fatto Loris che, ancora prima di prendere il diploma, ha avuto l'opportunità di lavorare con alcuni tra i più rinomati chef del mondo, tra cui Carlo Cracco in Italia e Alain Ducasse a Parigi, passando per Bangkok. 

Ma Loris non si è accontentato e ultimamente ha lanciato la sua start up e ha scritto Incredibili insetti, un libro dedicato all'entomofagia, tema a cui si era appassionato in occasione dell'Esame di Stato al Lagrange.